dariopolisano123@gmail.com  |  389 8988010
Follow us :-

Cancro

L’ IMPORTANZA DELLA DIETOTERAPIA NEL PAZIENTE ONCOLOGICO

Prima degli anni ’50 la frequenza dei tumori nella popolazione era di circa 1 persona su 20. Dopo la seconda guerra mondiale si è assistito all’aumento incontrastato delle patologie tumorali che oggi colpiscono 1 persona su 3. Molti studi, ormai, fanno evincere una stretta correlazione tra l’alimentazione e i tumori e circa il 75% di quest’ultimi potrebbe essere evitato seguendo una sana alimentazione. Sempre più autori riportano che la dieta non è solamente fondamentale per la prevenzione dei tumori, ma diventa importantissima durante la patologia e deve essere integrata al protocollo chemioterapico.

Recenti studi si sono concentrati sulla riduzione della tossicità della chemioterapia sul sistema immunitario. Quest’ultimo, infatti, durante il trattamento chemioterapico verrebbe anch’esso interessato dalla tossicità dei farmaci. Il sistema immunitario è fondamentale per combattere infezioni batteriche, infezioni virali, parassitosi ed è importantissimo per contrastare la proliferazione delle cellule tumorali. L’ integrità del sistema immunitario, durante il protocollo chemioterapico,verrebbe garantita da un accurato piano alimentare. Quest’ultimo, inoltre, supportato da un accurato piano di integrazione, pur proteggendo le nostre cellule dalla chemioterapia e dalla radioterapia, aumenterebbe l’efficacie terapeutica di quest’ultime.

Le cellule tumorali, come tutti gli esseri viventi, hanno delle richieste energetiche in particolare di glucosio e aminoacidi come la metionina e glutammina. Inoltre le cellule tumorali, così come le altre cellule, proliferano grazie alla presenza elevata di particolari tipi di ormone. Tutte queste condizioni possono e devono essere modificate con un attento piano alimentare che impedirà al tumore di trovare “terreno fertile” per proliferare. Sia prima, sia durante, sia dopo la chemioterapia il paziente deve essere seguito da un esperto nutrizionista che tramite gli alimenti deve impedire la presenza delle condizioni sopracitate.